autori, Creatività, Curiosità, filosofia, Fotografia, Libri, saggi, Vita quotidiana

Ci sono cose che non sappiamo di non sapere…

Mi sono chiesto parecchie volte come sarebbe stata adesso la mia vita se avessi  in un dato momento scelto qualcosa di diverso. Ad esempio l’anno scorso  ad una festa ho conosciuto la donna che attualmente è la mia compagna, quel tipo di persona con cui condivido e vuoi condividere la tua vita. Se a quella festa non ci fossi andato come sarebbe adesso la mia quotidianità? Non posso saperlo, l’unica cosa certa è che con quella scelta ho segnato una nuova direzione. La bellezza della nostra vita è che questa è basata anche sulle scelte che facciamo quotidianamente, che come il volante di un auto ci permette di tenere la strada e di descriverne il percorso. Sono attimi, frangenti, che condizionano il nostro essere e vivere. La fotografia altro non è che un catturare per sempre l’attimo che non ci sarà più, tra quello che c’è stato è quello che ci sarà. Ma tutto questo non è noto alla nostra conoscenza, praticamente non possiamo saperlo, non possiamo sapere come sarà o cosa sarà …quindi ci siamo mai interrogati che ci sono cose che non sappiamo di non sapere?

A primo impatto è strana come domanda, ma ragionandoci non lo è poi così tanto. Non sappiamo cosa avverrà domani, fra un ora o fra cinque minuti. Tutto è dovuto alle nostre scelte. Diverse volte decidiamo di restare fedeli a ciò che conosciamo, ciò che per noi è certo senza prestare attenzione o curiosità verso quello che per noi è ignoto. Questa considerazione, appena descritta sopra, me la porto con me da un po’ di anni, ma si è rivelata con la scoperta di questo piccolo saggio (di cui non sapevo della sua esistenza) : “L’ignoto ignoto, le librerie e il piacere di non trovare quello che cercavi” di Mark Forsyth (editore Laterza) si legge in maniera velocissima, e appena finito qualche idea diversa nella mia mente è nata, adesso sono quasi consapevole che esistono delle cose, molte cose che so di sapere, altre che so di non sapere, ma soprattutto cose che non so di non sapere. 

Autore


Avatar